Come gestire la cassa integrazione di un dipendente

Per un dipendente la cassa integrazione è un’ultima spiaggia alla quale appoggiarsi nel momento in cui il proprio datore di lavoro diminuisce o sospende lo stipendio. Le cause possono essere molteplici e di conseguenza anche i soggetti che possono beneficiarne.
La cassa, divisa tra ordinaria, straordinaria e in deroga, può essere richiesta e gestita da un dipendente in maniera diversa: vediamo come.

 

 

 

 


A chi spetta la CIG e in che caso può essere richiesta

La cassa integrazione guadagni (CIG) è una prestazione economica effettuata dell’Inps a favore di tutti dipendenti in condizioni economiche precarie. Si tratta di un ammortizzatore sociale che prevede, così, il versamento di una somma di denaro nel momento in cui il datore di lavoro ha ridotto o momentaneamente sospeso l’attività lavorativa.

Con lo scopo di aiutare le aziende, questa è rivolta tutti coloro che sono assunti con contratto di lavoro subordinato – compresi apprendisti con contratto di apprendistato – ad esclusione però dei dirigenti e dei lavoratori a domicilio. Grazie poi al decreto legislativo n. 95442 del 15 aprile 2016, sono state individuate le fattispecie di causali integrabili per le quali la cassa può essere richiesta:
mancanza di lavoro/commesse;
crisi di mercato;
fine cantiere, fine lavoro, fine fase lavorativa, perizia di variante e suppletiva al progetto;
mancanza di materie prime o componenti;
eventi meteo;
sciopero di un reparto o di altra impresa;
guasti ai macchinari – manutenzione straordinaria.

L’istituto di previdenza sociale, quindi, risponde solo in determinati casi e per specifici settori produttivi. Nei comparti per i quali non è prevista, intervengono i rispettivi fondi di solidarietà.

Cassa integrazione straordinaria, ordinaria e in deroga

Esistono diversi tipi di cassa integrazione, ma tendenzialmente si parla di tre diverse categorie: la cassa integrazione ordinaria, straordinaria e in deroga. Per potervi accedere è necessario soddisfare determinati requisiti che dipendono dal:
settore in cui opera l’azienda;
dall’anzianità di servizio;
dal motivo per il quale viene richiesta.

La prima tipologia di cassa integrazione riguarda è quella ordinaria (CIGO) e può essere richiesta dall’azienda in un momento di crisi temporanea. In questo caso, i lavoratori vengono sospesi dall’attività in maniera totale o parziale e, una volta superato il periodo di crisi, il personale riprende il lavoro normalmente. Questa, è concessa di diritto ai lavoratori con contratto subordinato e ne sono interessati anche i dipendenti con contratto di apprendistato. Sono, invece, esclusi da questo trattamento i dirigenti e i lavoratori a domicilio.

La cassa integrazione guadagni straordinaria (CIGS), invece, viene richiesta dalle aziende che devono gestire l’eccedenza di personale sospendendo per un periodo di tempo alcuni lavoratori dall’attività. Questa può essere ricevuta da parte dei lavoratori dipendenti, inclusi quelli assunti con contratto di apprendistato ma esclusi dirigenti e lavoratori a domicilio. Per avere diritto a questo trattamento, però, è necessario avere al momento della richiesta da parte dell’azienda un’anzianità di servizio di almeno 90 giorni.

Per ultima, la cassa integrazione guadagno in deroga (CIGD). Questa si applica a tutte le imprese che non possono accedere alle due precedenti o ne hanno già usufruito. Si tratta, nello specifico, di una misura di sostegno alle imprese offerta in deroga alle normative vigenti, introdotta in via sperimentale e prorogata di anno in anno. Applicata ai lavoratori dipendenti assunti da almeno 12 mesi, può essere richiesta da imprese, attività imprenditoriali e cooperative sociali. Concessa dalla Regione o Provincia autonoma, offre un’indennità pari all’80% della retribuzione per le ore di lavoro non prestate.

Non sai come gestire la cassa integrazione? Restiamo in contatto

Se stai cercando un professionista al quale affidarti per gestire la tua cassa integrazione, affidati a Studio Parotelli, a Milano. Quando ci si trova in una situazione lavorativa così instabile è bene fare affidamento a chi è un esperto del settore, capace di supportare e tutelare il proprio cliente. Per questo, il nostro studio è in grado di fornire un servizio di assistenza completo, che grazie a un team altamente qualificato può spaziare dal settore fiscale e tributario a quello societario e legale.

Fonti:
https://www.inps.it/nuovoportaleinps/default.aspx?itemdir=53599
https://www.inps.it/nuovoportaleinps/default.aspx?itemdir=53573

        Perché affidarti a noi

Siamo un team di professionisti che collabora in maniera proficua e produttiva: ciascuno di noi mette le proprie competenze e la professionalità al servizio della risoluzione dei problemi dei nostri clienti, accompagnandoli verso il percorso più adatto e conveniente. Affidabilità, collaborazione e capacità sono i valori che ci guidano nella nostra attività.

Richiedi un preventivo GRATUITO

E-mail: [email protected] - Pec: [email protected] - Numero Verde: 800 58 92 21




    © Studio Parotelli 2021 | Via  Monte Napoleone 8 20121 Milano (MI) | P.Iva 03376850131 | Made by WebinWord