Seguici su: FB | IG

Bando Marchi 2022

19 Ottobre 2022

Bando Marchi 2022

Lo Studio Parotelli, studio commercialista a Milano, è da sempre impegnato ad aggiornare i propri clienti e lettori sulle novità in materia fiscale, commerciale e contabile.

Nell’articolo di oggi tratteremo: Bando Marchi 2022.

Il MISE con il seguente provvedimento, promuove una misura di agevolazione per supportare le PMI nella tutela dei marchi dell’Unione europea e internazionali.

A partire dalle 9.30 del giorno 25 ottobre i beneficiari dell’iniziativa avranno la possibilità di presentare le domande per il Bando marchi 2022 secondo le modalità riportate sul sito: www.marchipiu2022.it.

In data 27 luglio è stato pubblicato dal MISE, il bando marchi 2022 con tutte le regole per presentare domanda al fine di usufruire delle agevolazioni destinate a piccole e medie imprese.

Nello specifico, il bando intende supportare le imprese di micro, piccola e media dimensione nella tutela dei marchi all’estero.  Le agevolazioni saranno concesse nella forma di contributo in conto capitale, attraverso le seguenti misure:

  • Misura A – Agevolazioni per favorire la registrazione di marchi dell’Unione europea presso EUIPO attraverso l’acquisto di servizi specialistici;
  • Misura B – Agevolazioni per favorire la registrazione di marchi internazionali presso l’Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale attraverso l’acquisto di servizi specialistici.

Bando Marchi 2022: chi ne ha diritto?

Vediamo di seguito chi potrà usufruire di questa agevolazione.

Potranno beneficiare delle agevolazioni le imprese che, alla data di presentazione della domanda di partecipazione, siano in possesso, a pena di esclusione, dei seguenti requisiti di ammissibilità:

  • a. avere una dimensione di micro, piccola o media impresa, così come definita nell’allegato 1 del Regolamento (UE) n.651/2014;
  • b. avere sede legale e operativa in Italia;
  • c. essere regolarmente costituite, iscritte nel Registro delle Imprese e attive;
  • d. non essere in stato di liquidazione o scioglimento e non essere sottoposte a procedure concorsuali. Ed essere in regola con l’assolvimento degli obblighi contributivi attestati dal Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC);
  • e. non avere nei propri confronti cause di divieto, di decadenza o di sospensione di cui all’art. 67 della vigente normativa antimafia (D. Lgs. n. 159/2011 e s.m.i.);
  • f. non avere procedimenti amministrativi in corso connessi ad atti di revoca per indebita percezione di risorse pubbliche;
  • g. essere titolari del marchio oggetto della domanda di partecipazione;
  • h. per la misura A:
    • aver effettuato, a decorrere dal 1° giugno 2019, il deposito della domanda di registrazione presso EUIPO del marchio oggetto dell’agevolazione e aver ottemperato al pagamento delle relative tasse di deposito; nonché 
    • aver ottenuto la registrazione, presso EUIPO, del marchio dell’Unione europea oggetto della domanda di partecipazione. Tale registrazione deve essere avvenuta in data antecedente la presentazione della domanda di partecipazione;
  • i. per la Misura B:
    • aver effettuato, a decorrere dal 1° giugno 2019, almeno una delle seguenti attività:
      • il deposito della domanda di registrazione presso OMPI di un marchio registrato a livello nazionale presso UIBM o di un marchio dell’Unione europea registrato presso EUIPO e aver ottemperato al pagamento delle relative tasse di registrazione;
      • il deposito della domanda di registrazione presso OMPI di un marchio per il quale è già stata depositata domanda di registrazione presso UIBM o presso EUIPO e aver ottemperato al pagamento delle relative tasse di registrazione;
      • il deposito della domanda di designazione successiva di un marchio registrato presso OMPI e aver ottemperato al pagamento delle relative tasse di registrazione;
    • nonché –
      • aver ottenuto la pubblicazione della domanda di registrazione sul registro internazionale dell’OMPI (Madrid Monitor) del marchio oggetto della domanda di partecipazione. La pubblicazione della domanda di registrazione del marchio sul registro internazionale dell’OMPI (Madrid Monitor) deve essere avvenuta in data antecedente la presentazione della domanda di partecipazione.

Bando Marchi 2022: a quanto corrispondono le agevolazioni?

Anche in questo caso è necessario distinguere tra le due tipologie di misure.

Per la Misura A, le agevolazioni sono concesse nella misura dell’80% delle spese ammissibili sostenute per le tasse di deposito e per l’acquisizione dei servizi specialistici di cui all’articolo 5 e nel rispetto degli importi massimi previsti – secondo il seguente prospetto – per ciascuna tipologia e comunque entro l’importo massimo complessivo per marchio di € 6.000,00.

Per la Misura B, le agevolazioni sono concesse nella misura del 90% delle spese ammissibili sostenute per le tasse di registrazione e per l’acquisizione dei servizi specialistici di cui all’articolo 5 e nel rispetto degli importi massimi previsti – secondo il seguente prospetto – per ciascuna tipologia e comunque entro l’importo massimo complessivo per marchio di € 9.000,00.

Attenzione: il bando prevede le agevolazioni solo per la registrazione di marchi dell’Unione europea e internazionali, non per quelli nazionali.

Bando Marchi 2022, qualche ulteriore chiarimento? Non esitare a contattare lo studio commercialista a Milano, Studio Parotelli.



        Perché affidarti a noi

Siamo un team di professionisti che collabora in maniera proficua e produttiva: ciascuno di noi mette le proprie competenze e la professionalità al servizio della risoluzione dei problemi dei nostri clienti, accompagnandoli verso il percorso più adatto e conveniente. Affidabilità, collaborazione e capacità sono i valori che ci guidano nella nostra attività.

Richiedi un
preventivo GRATUITO

E-mail: [email protected] - Pec: [email protected]
Numero Verde: 800 58 92 21





    © Studio Parotelli 2021 | Via  Monte Napoleone 8 20121 Milano (MI) | P.Iva 03376850131 | Made by WebinWord